l’Italia siamo io


Ciao,
ho 29 anni e mi sono rispettosamente rotto i coglioni di sentir parlare ancora di fascismo, comunismo e nazismo nel 2018.

Vorrei discutere di come sarà l’Italia nel 2030 (ossia fra una decina di anni) e non di com’era nel 1930, quasi 90 anni fa;

Vorrei capire in che tipo di Europa si vivrà nel prossimo futuro e non sentirmi raccontare ancora e ancora come tre fra i regimi più sanguinari e peggiori della storia dell’umanità hanno quasi distrutto la mia civiltà nel lontano passato;

Vorrei che si iniziasse a capire che la mia generazione è costituita per la maggior parte da persone che non hanno pregiudizi razziali o sessuali;

Vorrei una classe politica che smettesse di prendersi a male parole e iniziasse a confrontarsi sulle idee, i progetti e le visioni;

Vorrei che i miei concittadini abbandonassero la logica di partito, legata ancora alla guerra fredda dove bisognava scegliere fra Partito Comunista e Democrazia Cristiana, e cominciassero a conoscere i candidati che votano prescindendo dal partito con cui si presentano. Se il cittadino vota il partito, il parlamentare risponde al leader politico che lo ha messo in lista; se invece vota il candidato, il leader politico e il parlamentare sono controllati totalmente dal cittadino.

Chiedo troppo?
Se la risposta è “” significa che l’Italia è un paese irrecuperabile;
Se la risposta è “No” bisogna crescere e migliorare se stessi diventando finalmente veri adulti senza pretendere di cambiare gli altri. Basta questo. La responsabilità di un popolo è la sommatoria delle responsabilità dei singoli individui. Quando faremo nostro questo concetto le cose cominceranno a girare.

Grazie

Emanuele

2 pensieri riguardo “l’Italia siamo io

  1. Concordo perfettamente. Da quello che sta avvenendo in questa campagna elettorale – di gran lunga la peggiore cui mi sia capitato di assistere e purtroppo, avendo 66 anni ne ho vissute tante – si evince che l'”l’intellighenzia” – tra molte virgolette – di questo paese non sa far altro e dire altro che riaffermare – in modo assolutamente antistorico – un antifascismo che non ha più NESSUNA RAGIONE per essere riaffermato, cercando di evocare fantasmi di un passato che non potrà mai più riemergere e questo unicamente perchè questa “intellighenzia” è ASSOLUTAMENTE PRIVA di qualunque barlume di idea per il presente e tantomeno per il futuro, brancolando nell’assoluto buio intellettuale, dimenticando oltretutto che, se un pericolo per l’ordine pubblico esiste, proviene da quei teppisti dei centri sociali che mettono a ferro e fuoco le nostre città, massacrando le forze dell’ordine senza la pur minima idea da proporre se non quella di creare dei danni alla convivenza civile. Ma su questo non si può dire niente perchè è “politicamente scorretto”: mi sembra che gran parte degli italiani, del “politicamente corretto” si sia rotta i c….. e spero lo dimostri con il voto – anche se la scelta è veramente piuttosto ardua – nelle imminenti elezioni; altrimenti non ci resta che recitare il “DE PROFUNDIS” per il nostro paese.

    "Mi piace"

Dimmi la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...