La corruzione è come il sesso


Aumentare la burocrazia diminuisce la corruzione?
Secondo Transaprency International l’Italia è il 51° paese al mondo con più corruzione. Il dato misura però la corruzione percepita e non quella reale. Confondendo la percezione con la realtà alcuni spingono per introdurre nuove norme, ossia aumentare la burocrazia e, di conseguenza, creare le condizioni per il proliferare della corruzione. Per capirlo meglio analizziamo l’approccio inverso: diminuire la corruzione semplificando la burocrazia.

Eliminando i passaggi burocratici inutili, il corruttore non ha nessuno da poter corrompere. Infatti la corruzione è come il sesso: bisogna essere almeno in due. Se invece un adempimento burocratico è essenziale spetta allo Stato vigilare affinché non avvengano illeciti.
Ridurre la burocrazia serve oltretutto a sveltire i controlli e di conseguenza ad aumentarne il numero in modo da scovare chi non è disposto a seguire neanche poche e semplici regole.

Se esistono persone disoneste, che colpa ne hanno gli onesti? Semmai la responsabilità è in capo allo Stato che deve amministrare la giustizia. Complicare la vita a tutti perché alcuni sono delinquenti è un’ammissione di manifesta incapacità da parte di chi deve assicurarsi il corretto funzionamento della macchina statale.

Dimmi la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...